ErgonGroup, un welfare aziendale a misura di donna

UDINE – Il tempo e la qualità della vita sono le risorse più preziose, specialmente per chi lavora molto.

È questo l’approccio spontaneo in tema di welfare aziendale a sostegno dei propri dipendenti da parte di ErgonGroup. Questa importante realtà di riferimento nel centro e nord Italia nell’ambito della formazione finanziata e consulenza manageriale - in rapida affermazione anche su tutto il territorio nazionale – vuole distinguersi per l’adozione di iniziative concrete soprattutto a favore delle donne e il futuro delle famiglie.

80% di donne

A tal proposito il Gruppo, costituito per l’80% di donne, di cui più della metà mamme, ha adottato importanti e significative misure, la prima fra tutte la concessione alle lavoratrici madri di trasformare il proprio contratto di lavoro in part time per un periodo massimo di 24 mesi.

Inoltre, al fine di agevolare il rientro graduale delle lavoratrici dalla maternità viene offerta la possibilità, nel mese precedente al reinserimento, di uno scambio a distanza di informazioni con un tutor aziendale. «Nel contesto in cui operiamo – afferma Daniele Della Bianca, Presidente della Holding ErgonGroup - le donne sono figure professionali determinanti e propulsive per lo sviluppo del nostro lavoro grazie alle loro riconosciute doti di empatia, precisione e qualità di relazione.

Riteniamo quindi fondamentale offrire l’opportunità e gli strumenti necessari affinchè le mamme, che ancor oggi non trovano risposte adeguate da parte delle istituzioni, di riprendere e partecipare attivamente al mondo del lavoro».

Ma il piano welfare di ErgonGroup prevede delle misure che coinvolgono tutti i suoi collaboratori: sul fronte maschile, i lavoratori vedono riconosciuta una giornata aggiuntiva di congedo paternità rispetto alle previsioni dell’art.1 co 354, L. 232/2016, mentre per tutti i ruoli impiegatizi è stata data la facoltà di gestire l’orario di lavoro in maniera flessibile. Si sa che vivere in un bel ambiente di lavoro rende migliore il clima aziendale e il beneficio individuale diventa benessere collettivo con conseguente aumento del livello di produttività.

 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO